sabato 16 novembre 2019

L'«immaginazione» nella politica: da Machiavelli al populismo (22-23 novembre 2019)

L'Associazione culturale "Sgabuzzini Storici", in collaborazione con il Comune di San Casciano in Val di Pesa (FI), organizza il convegno L'«immaginazione» nella politica: da Machiavelli al populismo. Il convegno si svolgerà nei giorni venerdì 22 novembre 2019 (dalle ore 15:00)  e sabato 23 novembre 2019 (dalle ore 9:30) presso Casa Machiavelli in San Casciano Val di Pesa (località Sant'Andrea in Percussina).


domenica 10 novembre 2019

"Polygraphia", rivista del Dipartimento di Lettere e Beni Culturali

È stato pubblicato ed è disponibile on line il primo numero di "Polygraphia", rivista multidisciplinare del Dipartimento di Lettere e Beni Culturali dell'Università degli Studi della Campania "Luigi Vanvitelli".

Per consultare la rivista e per ogni ulteriore informazione collegarsi alla pagina: http://www.polygraphia.it

sabato 9 novembre 2019

"Sogni non perduti" e "Il colore del mare"

di Francesca Favaro 

Il carnet de recherche «Studiosus» (https://studiosus.hypotheses.org) si è arricchito, durante i mesi di agosto e di ottobre 2019, di due nuovi saggi. Il primo, appartenente alla sezione dedicata all’opera dantesca e intitolato Sogni non perduti, nella Divina Commedia, compara le descrizioni dei sogni che avvolgono il pellegrino Dante, protagonista del viaggio oltramondano, alla differente atmosfera e sostanza di sogno, che – forse in modo meno esteriormente visibile, ma più profondo – permea il poema. Il secondo, appartenente alla sezione riservata alla permanenza dell’antico, riflette invece sulle sfumature e sui cromatismi che i poeti, da Omero in poi, vedono racchiusi nelle onde: il titolo del saggio è infatti Il colore del mare.

Per leggere i saggi collegarsi alle pagine: 
https://studiosus.hypotheses.org/369 (Sogni non perduti)
https://studiosus.hypotheses.org/387 (Il colore del mare)

sabato 2 novembre 2019

Le origini del fascismo in Terra di Lavoro. Fonti

Questa nuova sezione di "Storia della Campania" (http://www.storiadellacampania.it) è dedicata alla pubblicazione di un’ampia documentazione inedita, che ripercorre gli eventi che segnarono l’affermazione del fascismo in Terra di Lavoro dal 1920 al 1926. Si stagliano con nettezza diffusi episodi di violenza, la vulcanica creazione, declinata in chiave locale, di una nuova formazione politica - il Partito nazionale fascista - e la progressiva affermazione di personaggi dallo spiccato trasformismo che, in una lotta senza esclusione di colpi, andavano all’arrembaggio di una nazione, dato che in molti cavalcarono l’onda della rivoluzione in camicia nera. Soltanto a partire dal 1924 l’uso spregiudicato della violenza si affievolì, scemando rispetto agli altri metodi di gestione del potere che il fascismo- fattosi dittatura- seppe utilizzare. Gli avvenimenti, disposti in successione temporale, si inseriscono in un quadro complessivo, in cui compaiono, assieme ad uomini di notevole peso specifico e dalla diversa fortuna- delineati psicologicamente nel romanzo (non fiction) «M. Il figlio del secolo» di Antonio Scurati- anche individui, di seconda, terza e quarta fila, destinati a scomparire presto nei meandri della storia, se si tengono da conto il cinismo e la strumentalizzazione- ampiamente usati dalla macchina mussoliniana, che tutto fagocitava - amaramente sperimentati da Aurelio Padovani, il «duce del fascismo campano».

Per consultare le fonti collegarsi alla pagina:
http://www.storiadellacampania.it/origini-fascismo-in-terra-di-lavoro-fonti

sabato 26 ottobre 2019

Il duca e il vescovo a Piedimonte d’Alife in età barocca

Sul sito Ereticopedia, nell'ambito della preparazione del n° 7 della rivista on line "Quaderni eretici", è stato pubblicato il lavoro di Armando Pepe, Il duca e il vescovo a Piedimonte d’Alife in età barocca. I moventi della discordia tra Alfonso II Gaetani dell’Aquila d’Aragona e monsignor Girolamo Maria Zambeccari.
In questo approfondito studio storiografico e filologico su una corte feudale d’antico regime, quella dei Gaetani dell’Aquila d’Aragona, in Piedimonte d’Alife (ora Piedimonte Matese), che era tra le prime nel Regno di Napoli, si approfondiscono i moventi della discordia tra Alfonso II Gaetani dell’Aquila d’Aragona e monsignor Girolamo Maria Zambeccari, da un carteggio inedito, rinvenuto presso l’archivio della Fondazione Camillo Caetani in Roma.  Il duca, che morì ancor giovane combattendo in Catalogna, e il vescovo, già scampato a un feroce attentato quando era inquisitore a Correggio, arrivarono presto allo scontro aperto, non senza aver tentato un accordo che non approdò a nulla. In un sanguigno e tenace gioco delle parti, tra celie, accuse, difese e aperte recriminazioni, il gran teatro del mondo d’età barocca presenta uno scenario sconosciuto, non dissimile però da luoghi e personaggi manzoniani. Luci e ombre, assieme a sentimenti e impressioni, perenni e volubili nell’animo umano, si alternano mentre a noi si offrono nuove prospettive da conoscere e indagare a fondo.

Per approfondire: http://www.ereticopedia.org/il-duca-e-il-vescovo

sabato 19 ottobre 2019

Il sacerdote ideale. Il IV libro dei Ragionamenti di Giovanni Maria Memmo

È stato recentissimamente pubblicato il volume Il sacerdote ideale. Il IV libro dei Ragionamenti di Giovanni Maria Memmo, a cura di Luigi Robuschi. Il volume si inserisce nella collana Il "cannocchiale" dello storico. Miti ed ideologie, pubblicata da Aracne editrice (per maggiori informazioni sulla collana: http://www.aracneeditrice.it/index.php/collana.html?col=cadst).

IL SACERDOTE IDEALE
IL IV LIBRO DEI RAGIONAMENTI DI GIOVANNI MARIA MEMMO

A cura di Luigi Robuschi

Ideale continuazione del Dialogo, pubblicato nel 1564 dal patrizio e intellettuale veneziano Giovanni Maria Memmo, il testo riporta i discorsi a cui l’autore sostiene di aver assistito a Roma nel 1556. Nella splendida cornice della vigna romana del cardinal Ippolito II d’Este, gli interlocutori, quasi tutti importanti uomini di Chiesa che avrebbero svolto un ruolo fondamentale durante il pontificato di Pio IV e nella chiusura del Concilio di Trento, trascorrono la giornata a descrivere il “sacerdote ideale”. I Ragionamenti, pertanto, rappresentano una preziosa fonte primaria, che arricchisce la nostra conoscenza di uno dei momenti più determinanti della storia europea.

Maggiori informazioni e anteprima alla pagina:
http://www.aracneeditrice.it/aracneweb/index.php/pubblicazione.html?item=9788825524635

sabato 12 ottobre 2019

Cosimo I de' Medici, Duca di Firenze, Granduca di Toscana, e San Casciano

Nell'ambito delle celebrazioni per il V centenario della nascita di Cosimo I de' Medici, Granduca di Toscana, l'Associazione Sgabuzzini Storici, in collaborazione con il Comune di San Casciano in Val di Pesa, organizza un ciclo di conferenze ed una serie di eventi nei mesi di ottobre e novembre 2019.
In particolare, il 19 ottobre Stefano Calonaci terrà una conferenza su Cosimo I e la costruzione dello Stato mediceo nell'Europa del Cinquecento presso la Sala del Consiglio Comunale di San Casciano ed il 26 ottobre Domizia Weber condurrà una visita storico-artistica degli appartamenti della duchessa Eleonora de Toledo presso Palazzo Vecchio a Firenze.