Terra Lavoro, Alta Polizia, 1848

Nel lungo e complesso 1848 in Terra di Lavoro si propagavano da parte della borghesia più avanzata fermenti liberaleggianti, mentre il ferreo regime borbonico fronteggiava, con esigua forza pubblica, mali atavici, come il brigantaggio nel territorio di Alvito, la diffusa delinquenza comune, l'agitazione popolare in Sora per il ritorno nella sede diocesana del vescovo misoneista Giuseppe Montieri, alcuni subbugli provocati da facinorosi nel distretto di Nola e a Maddaloni, faide paesane ai piedi dei monti Aurunci. In attesa di stilare gli elenchi con le persone ritenute "attendibili", cioè pericolose poiché insidiavano l'ordine costituito, la polizia metteva sotto stretta vigilanza tutti quelli che erano, o avrebbero potuto essere, sovversivi.

Per approfondire: https://www.storiadellacampania.it/terra-lavoro-alta-polizia-1848

Caterina Parr, regina d'Inghilterra, sesta e ultima moglie di Enrico VIII

Caterina Parr (Blackfriars, agosto 1512 – Castello di Sudeley, 5 settembre 1548) è stata una nobildonna inglese e la sesta e ultima regina consorte di Inghilterra e Irlanda come moglie del re Enrico VIII Tudor dal 1543 al 1547, anno di morte del sovrano. 

Sposata già due volte e due volte vedova, Caterina venne notata dal re inglese e scelta come sua ultima moglie, nonostante la donna avesse intenzione di sposare un altro uomo. Anteponendo il dovere alle sue inclinazioni personali, la Parr si dimostrò una sovrana accorta e intelligente, una moglie sottomessa e devota e una matrigna amorevole per tutti e tre i figli del re, riuscendo a sopravvivere al consorte e al suo difficile carattere. Dopo la morte del re, sposò l’uomo che aveva scelto tempo prima, Thomas Seymour, e dopo un anno di nozze partorì una bambina, morendo poi di febbre puerperale a soli 36 anni.

A Caterina Parr è dedicata la voce di Martina Tufano, pubblicata nel Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneofulcro del sito Ereticopedia  e parte della sezione trasversale  "Dominae fortunae suae". La forza trasformatrice dell’ingegno femminile

Per consultarla collegarsi alla pagina: www.ereticopedia.org/catherine-parr 

Libia. Mare nostrum, petroleum vestrum (25/11/2022)

Venerdì 25 novembre 2022, alle ore 18:00Parresia, piattaforma digitale del network Cantiere Storico Filologico, ospita un approfondimento sul tema "Libia. Mare nostrum, petroleum vestrum", con  Mirko Campochiari (Parabellum) e il Generale Paolo Capitini, già in servizio presso il Comando Operativo di Vertice Interforze a Roma e presso il Corpo di Reazione Rapida della NATO a Lille, nonché operativo in varie missioni internazionali (Somalia, Bosnia, Kosovo, Ciad e Repubblica Centrafricana, Haiti e Libia), autorevole esperto di studi strategici e storia militare.

L'evento sarà trasmesso in diretta sul canale YouTube della piattaforma Parresia.

LINK DIRETTO ALLA LIVE: https://youtu.be/EdCN9KvAHQc

Homines novi? Non solo Putin e Zelensky (21/11/2022)

Lunedì 21 novembre 2022, alle ore 18:00Parresia, piattaforma digitale del network Cantiere Storico Filologico, ospita un approfondimento sul tema "Homines novi? Non solo Putin e Zelensky", con Elia Morelli e Ugo Poletti.

L'evento sarà trasmesso in diretta sul canale YouTube della piattaforma Parresia.

LINK DIRETTO ALLA LIVE: https://youtu.be/0gZkf1f09zU

Tra speranza, impegno e carità: Giovanni Caso, Don Zeno Saltini e l’Opera dei Piccoli Apostoli a Piedimonte Matese (1944-1951)

La Seconda guerra mondiale stava per avviarsi a conclusione. Miserie materiali e morali impregnavano l’intera Italia, massime nelle zone interne ed isolate, a lungo depotenziate dalla geografia dei luoghi, come il Matese. In quei cupi frangenti apparve a Piedimonte d’Alife (oggi Piedimonte Matese) il tenace e combattivo sacerdote carpigiano Don Zeno Saltini, per una combinazione favorita da Don Espedito Grillo, parroco della chiesa matrice di Ave Gratia Plena. Gli offrì il destro Giovanni Caso, medico e docente universitario, esponente politico della Democrazia Cristiana, distante da una neghittosità adiafora, che di sovente le classi abbienti avevano mostrato nei confronti del popolo. Il professor Caso, in poche parole, incarnava i sentimenti e gli insegnamenti profusi da Don Giacomo Vitale, che continuava ad essere nella diocesi alifana il vero motore polivalente della dottrina sociale della Chiesa, fedele fino agli ultimi respiri all’eredità immateriale trasmessagli da Giuseppe Toniolo, venerato maestro. Secondo i propositi di Don Vitale, condivisi fermamente dalla parte più avanzata del clero locale, la Chiesa, o per intercessione o in prima persona, doveva stare al fianco dei lavoratori salariati, degli artigiani, dei carbonai, di chi viveva alla giornata. Erano tempi in cui, sia pure la società era devastata dall’immane conflitto e dal continuo scontro ideologico, si cercava la speranza, per fecondare opere di bene. Si pensava al futuro, confidando che ormai il peggio fosse alle spalle.

Per saperne di più:

https://www.storiadellacampania.it/tra-speranza-impegno-e-carita-giovanni-caso-don-zeno-saltini

Vedi anche la galleria fotografica:

https://www.storiadellacampania.it/galleria:scene-di-vita-piccoli-apostoli-piedimonte-matese

La Russia e la sua Marina (18/11/2022)

Venerdì 18 novembre 2022, alle ore 18:00Parresia, piattaforma digitale del network Cantiere Storico Filologico, ospita un approfondimento sul tema "La Russia e la sua Marina", con l'Ammiraglio di Squadra Ferdinando Sanfelice di Monteforte, esperto militare e docente di Studi strategici, e Giulio Poggiaroni di Italian Military Archives.

L'evento sarà trasmesso in diretta sul canale YouTube della piattaforma Parresia.

LINK DIRETTO ALLA LIVE: https://youtu.be/3xnIXi2MSeY

Storici e filologi: Raffaele Ajello (16/11/2022)

Nell'ambito del ciclo "Storici e filologi: i Maestri", ideato e coordinato da Armando Pepe e Daniele Santarelli nel quadro delle attività del network Cantiere Storico Filologico, col patrocinio del Dipartimento di Lettere e Beni Culturali dell'Università della Campania "Luigi Vanvitelli", mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18:00 si svolge un incontro on line su Raffaele Ajello (1928-2020). 

Discuteranno Francesco Mastroberti e Roberto Tufano.

LINK PER ASSISTERE SU ZOOM:

IN ALTERNATIVA, DIRETTA FACEBOOK ALLA PAGINA: 

PER VISUALIZZARE I VIDEO DEI PRECEDENTI INCONTRI DEL CICLO:

Risorse in rete e Un libretto nel fuoco (11/11/2022)

Venerdì 11 novembre 2022, a partire dalle ore 15:30, nell'ambito delle attività del Dottorato di Interesse Nazionale in Studi Religiosi, si svolgerà il seminario on line Risorse in rete per la storia religiosa del Mediterraneo: Ereticopedia & friends.
Il seminario, che si svolgerà sulla piattaforma Zoom e sarà anche trasmesso in streaming sulla pagina Facebook del Cantiere Storico Filologico, sarà aperto dalla relazione di Daniele Santarelli, Da Ereticopedia al Cantiere Storico Filologico, che traccerà il percorso di un network interdisciplinare ispirato dall’esperienza del portale Ereticopedia (www.ereticopedia.org) e del Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo che ne costituisce il fulcro. Seguiranno Vincenzo Vozza, Streghe e medici eterodossi: Inter-Sezioni digitali, Armando Pepe, Risorse in rete per la storia religiosa del territorio: il portale “Storia della Campania”, Donato Verardi, Tra scienza, religione e magia: il Dizionario storico delle scienze naturali a Napoli dal Rinascimento all’Illuminismo. Infine Luca Al Sabbagh presenterà Parresia. Piattaforma digitale per le scienze umane e sociali, concentrandosi, in chiave sia scientifica sia divulgativa, sulle possibilità offerte dalle piattaforme di streaming per la comunicazione e la disseminazione del sapere storico-religioso, di cui sarà fornita subito dopo una dimostrazione pratica.
Alle ore 18:00, infatti, nell'ambito delle live di Parresia, piattaforma digitale del network Cantiere Storico Filologico, nonché sempre nel quadro delle attività del Dottorato di Interesse Nazionale in Studi Religiosi, sarà discusso e presentato in diretta YouTube il volume di Guillaume Alonge e Massimo Firpo, Il Beneficio di Cristo e l’eresia italiana del ‘500 (Laterza, Roma-Bari 2022). Con Guillaume Alonge partecipa alla live un ospite speciale, il divulgatore e YouTuber di successo Gioele Sasso (La Biblioteca di Alessandria). 

LINK PER ACCEDERE ALLA SALA ZOOM DEL SEMINARIO DELLE ORE 15:30:

LINK DIRETTO ALLA LIVE PARRESIA DELLE ORE 18:00: 

L'Esercito romano, con Giovanni Brizzi e Europantiqva (04/11/2022)

Venerdì 4 novembre 2022, alle ore 18:00Parresia, piattaforma digitale del network Cantiere Storico Filologico, ospita un approfondimento sull'Esercito romano con Giovanni Brizzi e Gioal Canestrelli (Evropantiqva). 

L'evento sarà trasmesso in diretta sul canale YouTube della piattaforma Parresia.

LINK DIRETTO ALLA LIVE: https://youtu.be/BLB8dxTeTHs

Ascanio Cesarini, vescovo cinquecentesco, grande nemico dei Gesuiti

Ascanio Cesarini (ante 1538 - post 15 dicembre 15791) è stato un vescovo cattolico, titolare della diocesi di Oppido Mamertina (20 febbraio 1538 - 5 luglio 1542) e, dopo le dimissioni, vescovo in partibus. È ricordato per essere stato uno dei più noti avversari della Compagnia di Gesù durante l’affaire del Seminario romano (1564-1565).

Ad Ascanio Cesarini è dedicata la voce redatta da Vincenzo Vozza per il Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneofulcro del sito Ereticopedia

Per consultare la voce collegarsi alla pagina:

www.ereticopedia.org/ascanio-cesarini