Il processo alle streghe Bartolomea e Lucia di Rocca d’Arazzo nelle missive del Duca di Milano nell’anno 1489

A Rocca d’Arazzo, vicino ad Asti, nel 1489 due donne, Bartolomea e Lucia, sono accusate di stregoneria e processate dall’inquisitore Lorenzo Butini di Alessandria. Bartolomea è condannata e giustiziata e con la sua dote o eventuali beni sono pagate tutte le spese. Lucia invece viene assolta dopo che la sua padrona, la nobildonna Nicolosina Caquerana, ha presentato una supplica al duca di Milano e questi a sua volta ha inviato  una lettera all’inquisitore, in cui lo invita ad agire con accortezza. Lucia viene però bandita e costretta a pagare le spese di detenzione. Le vicende sono conosciute non attraverso gli atti del processo, ma  attraverso le missive del duca.

Alla vicenda è dedicata la voce di Ezio Barbieri e Maria Carla Maggi, pubblicata nel Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo, fulcro del sito Ereticopedia. Per consultarla, collegarsi alla pagina:
http://www.ereticopedia.org/processo-streghe-bartolomea-e-lucia-rocca-d-arazzo