sabato 31 agosto 2019

"Educato a magnanimi sensi". Nicola Fiorentino illuminista del dissenso

Le Edizioni CLORI annunciano la pubblicazione, nell'ambito della collana Studi storici, filologici e letterari, del volume di Antonio D'Andria, "Educato a magnanimi sensi". Nicola Fiorentino illuminista del dissenso (Firenze, Edizioni CLORI, 2019, 130 pp., ISBN 978-8894241655). 
Il volume, come di consueto per le opere della collana menzionata, è consultabile e scaricabile liberamente in formato digitale sul sito delle Edizioni CLORI, mentre il formato cartaceo è acquistabile on line.


Antonio D'Andria, "Educato a magnanimi sensi". Nicola Fiorentino illuminista del dissenso

Data di pubblicazione: Agosto 2019
ISBN 978-8894241655 | 130 pagine

La ricostruzione del rapporto dei Borbone di Napoli con gli intellettuali nel decennio 1789-1799 permette di leggere un progressivo sfilacciamento e, dopo la congiura del 1794, una sempre maggiore opposizione. Uno degli esempi più rilevanti è Nicola Fiorentino, difficilmente etichettabile nella categoria di “illuminista”, alquanto generica, che studi molto datati si ostinano a cucirgli addosso, senza affrontare uno studio complessivo della persona, dell’ambiente e degli elementi di cultura politica che lo contraddistinsero. La sua parabola di vita e pensiero, in effetti, va contestualizzata nel periodo in cui si verificò la confluenza tra l’Illuminismo e la tradizione classica e repubblicana che, tramite nuclei di solida cultura politico-scientifica, stimolavano il dibattito sui nuovi compiti del governo. Si trattò di un passaggio da una cultura legata al progettare ad una basata sull’agire, che nei simboli e nei concetti di derivazione classica ritrovava un modello fattuale di rinnovamento totale. Il tutto sotto l’egida della “filosofia in soccorso de’ governi” di Genovesi e Filangieri.

Per maggiori informazioni visita il sito delle Edizioni CLORI: http://www.edizioniclori.it

Nessun commento:

Posta un commento